Template for your Abstract


  • TITLE         (it should informative, containing all the key elements of your experience)
  • Authors' names
  • Institution/s     (numbered, if there are several authors)
  • Abstract            (Text should clearly highlight the pedagogical issues and explain the learning experience that has been carried out) [up to 400 words]
  • Key Words        (your choice)
  • School grade:
  • Topic         (see the Call for contributions for hints)
  • Age range of the students
  • People in charge   ( 1 - teaching staff;  2 - people from non educational organizations; 3 - both)
               [ in 2) and 3) please detail (common people, sports clubs, culture associations, charities, etc) ]


Examples

in english

in italian
EDUCARE ALLA GENTILEZZA PER PREVENIRE ATTEGGIAMENTI SUSCETTIBILI NELL’ETA’ ADOLESCENZIALE

BAGNATI Carlo1, ROSSI Ugo2, BIANCHI Anna3

  1. Istituto Dell’alta formazione per Professori esauriti, Corso Massimo Sapienza 13 – Roma (Italy) 2. Scuola elementare di Sondrio, via delle Martiri, 28 – Sondrio (Italy) 3. Università degli Studi di Firenze, via Carlo Magno 20 Firenze (Italy)


Abstract: Durante l’adolescenza molti giovani diventano emotivamente instabili1 e, in classe, nelle ore di lezione, è possibile notare atteggiamenti conflittuali, polemici ed aggressivi. La suscettibilità ed il senso di ribellione sono caratteristiche intrinseche di questa età e nel tempo possono pregiudicare il rendimento scolastico.  Quando in una classe, durante l’ora di geografia o di qualsiasi altra materia, i ragazzi sono distratti da problemi contingenti ma di tipo personale, l’attenzione viene meno e questo si ripercuote sul rendimento scolastico. È nostra convinzione che ignorare  questo tipo di problema, delegarne ai ragazzi la risoluzione  non è sempre possibile; l’apprendimento è un gesto volontario che parte da una disponibilità interiore, non è possibile imporre a qualcuno l’attenzione se il coinvolgimento emotivo verte in altra direzione.  In una classe di prima media (23 ragazzi di 11 anni) sita a Roma (Italia), dove si osservava, a causa di quanto descritto sopra, un grave abbassamento del rendimento, tanto da costringere tutto il consiglio di classe ad una programmazione più lenta e basata su obiettivi minimi, si è scelto di educare alla gentilezza ed al volersi bene nel tentativo di ottenere un clima di lavoro più congeniale all’apprendimento.  L’atteggiamento mentale riguardo a questi due sentimenti è diventato generalizzato. Si è passati dal “è giusto voler bene al miglior amico” al “è giusto volere il bene di qualsiasi essere umano, volere il suo bene”. In conseguenza a ciò, la gentilezza è diventata uno strumento per manifestare l’accorgimento che si dedica al proprio prossimo, per comunicare un’intenzione positiva.  
Key Words: affectivity, human society,
Topic: Socio-constructivist learning,
Tipo di scuola coinvolto: scuola secondaria di primo grado
Età degli studenti:  11 anni
Adulti responsabili del lavoro:  personale docente  

Comments